I vantaggi dei semi di cannabis autofiorenti

Semi Di Maria  se la parola “normale” sembra dica tutto, non è del tutto cosi. Ognuno di noi ha sentito parlare almeno una volta di semine buone e semine cattive nell’impresa agricola, e come nell’impresa agricola, anche qua valgono le stesse regole. Ci sono semi buoni e semi cattivi. Alcuni coltivatori lasciano crescere le piante di cannabis e sclerosi multipla maschio e quelle femmina separatamente fino a raggiungere la maturità e poi le mettono insieme, in modo da essere sicuri che entrambi i sessi delle piante di marijuana siano completamente sviluppati e alla massima potenza. Le piante generate da questo tipo di semi di marijuana inizieranno a vivere in modo perfetto.

Ma si è subito capito che le caratteristiche positive si contrapponevano alla quasi inesistente psicoattività della specie. L’effetto è descritto come mal di testa. Non proprio ciò che i grower-breeder cercano in una pianta di cannabis. Per supplire a questa mancanza alcuni breeder molto competenti hanno iniziato un’opera http://www.ministryofcannabis.com/it/semi-autofiorenti di incroci tra Ruderalis e altre famiglie, al fine di ottenere piante con le stesse caratteristiche morfologiche e fototropiche, ma con un contenuto di principio attivo adatto all’uso ludico, ed ora anche a quello medicinale. Il primo ibrido di Ruderalis stabile e valido sotto tutti i punti di vista è stata la Zensation.

Se efficacemente lavato e salvati, sementi improbabili a tenere per il trasporto Affezioni Privati ​​ semi di marijuana che non sono infastidito da mostro, bird uomo tornare a pianeta terra da dove loro inizi iniziato. Attraverso A titolo di costante studio e miglioramento, Dr prodotti semi senza dubbio migliorare e molto di più diversificata. Questa varietà produce piante che sono super-veloce, pronto per essere raccolto con boccioli resinoso e aromatico, maturo e perfettamente formatisolo 60 giorni dopo la germinazione dei semi, questo gruppo di varietà di fiori sono i più veloci oggi conosciute.

E’ una varietà ibrida F1, risultato dell’incrocio tra un clone élite selezionato e un ceppo selezionato autofiorente di 3ª generazione. Esattamente come le altre F1 Fast Version, questa varietà si evidenzia per il suo grande vigore ibrido e velocità nella fioritura. Questa varietà viene preferita dai consumatori di cannabis con fini terapeutici e medicinali, essendo un chemiotipo con alti livelli di THC e sufficiente CBD da favorire stati rilassanti e antidepressivi.

Dentro questa linea troviamo nuove versioni di quattro classici La genetica porpora apporta rapidità nella fioritura, aroma dolce e colori violacei alla nostra e manifesta già dalla germinazione uno spiccato vigore ibrido. Questo ibrido è il risultato dell’incrocio tra la nostra varietà più premiata, la originale ed una esotica genetica autofiorente dai fiori viola con antenati kush pachistani.

Le varietà sono ibridi stabilizzati di genetiche e genetiche esotiche autofiorenti dai toni violacei, ereditati da antenati Hindi Kush zona Chitral, vicino alla frontiera con Afganistan. Ho quindi raccolto i semi uno per uno con delle pinzette (sapete quelle che usano le donne per compiere i loro rituali di perversa tortura su se stesse, fra cui staccarsi i peli dal viso, uno per volta) e ho schiacciato ognuno dei semi lungo il sigillo centrale.

Poi ho coperto il tutto con il secondo foglio, ho rimesso il coperchio sul contenitore e l’ho messo in un ambiente caldo e buio come un armadio arieggiato. Di recente ho provato i semi, dopo averne sentito parlare parecchio sia a livello di stampa che su internet. La dominante madre Sativa Jack Herer, di alta statura e di sapore dolce con uno sballo lungo e “strisciante”, è incrociata con il forte padre White Widow, dalla veloce fioritura, per ottenere un ibrido equilibrato nella sua forma Autofiorente.

Comments are closed.